Proposte indecenti: di chi è la colpa? – Tv Più riporta una sensazionale inchiesta di “www.tuttocasting.net”

molestie_sessuali_lavoro
Share Button

Da quanto è emerso dalle più recenti statistiche, In Italia gli abusi e i ricatti a sfondo sessuale sul posto di lavoro sono sempre in agguato, con dati sconcertanti. Nel mondo dello spettacolo questo fenomeno appare così colorato e accentuato che per molti è considerato persino una componente tipica se non addirittura accessoria. Possibile che non si possa fare nulla per ridimensionare queste usanze poco civili? Le cause sono molteplici e non sempre la colpa ricade sui datori di lavoro. Gran parte di questo fenomeno continua a persistere anche per via del silenzio di molte vittime che evitano di smascherare o denunciare alle autorità competenti questi atti illeciti. Non andrebbe trascurato inoltre un ulteriore aspetto che purtroppo tende a spianare la strada ai malintenzionati: l’ipocrisia. Non di rado alcune attrici, e in parte anche attori, si vantano di non aver mai ceduto a compromessi per lavorare; quando in realtà proprio loro agiscono inversamente.

A nostro avviso la causa più grave e frequente del triste fenomeno dei ricatti a sfondo sessuale risiede nell’omertà. Il non parlare, far finta di nulla, provoca solamente un pretesto in più per animare l’intenzione di molti addetti ai lavori nell’accompagnare il loro “potere decisionale”, o presunto tale, con ricatti di questo genere. Fortunatamente esistono anche varie vittime di questi abusi che hanno trovato il coraggio di parlare (una minoranza), aiutandoci a ricostruire un punto della situazione più dettagliato; citando alcune situazioni tipiche e frequenti di questo malcostume. Nel sistema sono coinvolte varie figure professionali appartenenti al settore dello spettacolo, e spesso anche persone che nemmeno rivestono un ruolo ufficiale nel suddetto ambito: personaggi biechi che amano spacciarsi per registi, produttori o agenti cinematografici.

Parlano le vittime… Valentina, una giovane attrice romana, oggi ha la fortuna di lavorare nel cinema e nella fiction televisiva, seppur in piccoli ruoli, ma con una discreta frequenza. Il percorso per arrivare a questo sospirato punto della carriera è stato differenziato da vari ostacoli. Qualche anno fa lei fu una delle tante vittime di un personaggio losco che operava a Roma, in zona San Giovanni. Era soprannominato “Il monco”. Si trattava di un sedicente produttore che adescava…….   (segue su www.tuttocasting.net, al seguente Link: http://www.tuttocasting.net/articoli/26/09/2013/proposte-indecenti-di-chi-e-la-colpa/)