Berlusconi promette alla Brambilla che, alle Elezioni Europee, i cacciatori resteranno fuori dalle liste

BERLUSCONI SCHERZA, NOI PER 25% GAY MA IO SONO LESBICA
Share Button

Hanno annunciato insieme, Silvio Berlusconi e Michela Vittoria Brambilla, che Forza Italia aveva messo al centro del suo programma politico la difesa dei diritti degli animali e la tutela dell’ambiente e quindi ha lasciato fuori dalle liste per le europee chi non rappresentava questi valori.

 

Nel Dipartimento per il sociale e la solidarietà, guidato dall’ex ministro Brambilla, dirigente nazionale di Forza Italia ma anche presidente della Lega Italiani Difesa Animali e Ambiente, c’è infatti una divisione, creata su impulso dello stesso presidente Berlusconi, che si chiama “Amici animali”.

 

A buon intenditor poche parole.

 

In una forza politica che ha dichiarato il suo impegno per le battaglie a tutela degli animali e del patrimonio naturale, e dove milita la parlamentare più animalista, non potevano esserci fraintendimenti sui candidati: no ai pasdaran della caccia nelle liste del partito per le elezioni europee e a chi non rappresenta la linea del presidente.

 

BRAMBILLA

 

Nonostante le sue insistenze, è stato dunque escluso il leader dei cacciatori veneti, Sergio Berlato, ex esponente di An alla terza legislatura in Europa.

 

Contro di lui hanno pesato non solo l’oltranzismo a difesa delle doppiette, ma anche lo scandalo delle tessere del Pdl contraffatte che lo ha coinvolto nel 2013 e la già lunga permanenza sui banchi di Strasburgo: se fosse eletto – ha annunciato che correrà con Fratelli d’Italia – questa sarebbe la sua quarta legislatura.

 

Argomento non indifferente per un partito che punta molto sul rinnovamento. Insomma: Forza Italia animalista, cacciatori fuori lista.
Sono candidati, invece, animalisti di lungo corso, come la presidente della Leidaa di Milano, Daniela Lazzaroni, la responsabile comunicazione della onlus “Amo gli animali” Cristina Striglio, la giurista Francesca Rescigno, autrice di “I diritti degli animali”, e Giovanni Toti, l’ex direttore di Studio Aperto, il tg nazionale da sempre più attento alle problematiche animaliste.

 

Articolo tratto dal magazine on-line “Nel Cuore” (www.nelcuore.org), visionabile clikkando il seguente Link: http://www.nelcuore.org/blog-associazioni/item/forza-italia-animalista-cacciatori-fuori-lista.html