Nasce a Pescara il “Banana Republic”, il 1° club d’Italia riservato alle sole donne.

CuffsCollarsOpening
Share Button

Immaginate un luogo elegante e raffinato… sottofondo musicale coinvolgente… luci ed atmosfera degne dei migliori music hall californiani.

 

In pista da ballo giovani ed aitanti maschi dal fisico scultoreo che si esibiscono in stripshow per la gioia di un pubblico esclusivamente femminile e partecipe.

 

L’uomo diventa preda e non più cacciatore e la donna può finalmente concedersi il lusso di dominare la situazione a suo piacimento senza essere importunata.

 

xxx 003

 

Immaginate un posto così in una sana città di provincia italiana.

 

Pescara, terra natale del Vate, non è nuova ad ospitare realtà dal sapore trasgressivo.

 

La notte si trasforma in una piccola isola della perdizione dove pullulano night club e luoghi di piacere.

 

L’offerta che propone il capoluogo dannunziano ha un unico comune denominatore: dare al sesso forte l’opportunità di sfogare istinti repressi e proibiti. 

 

Le scelte variegate della Pescara by night hanno finito per inflazionare un settore vittima anch’esso della congiuntura economica e della concorrenza sleale e scorretta, con il risultato che oggi anche i locali notturni risentono della crisi e non sono più in grado di proporre novità interessanti a condizioni di mercato più consone ed alla portata di tutti.

 

xxx002

 

E così c’è chi ha pensato di invertire la rotta, sondando il terreno ed assumendosi un forte rischio imprenditoriale.

 

Nasce quindi il “Banana Republic”, il 1° club d’Italia riservato alle donne, non più nelle vesti di intrattenitrici di sala, ma clienti esigenti che possono finalmente vivere l’ebbrezza di stare dall’altra parte della barricata.

 

Una sorta di night club al contrario, dove i boys sono oggetto delle attenzioni di femmine emancipate e disinvolte, con l’aspetto goliardico ed al tempo stesso malizioso che prende il sopravvento.

 

L’ 8 marzo che si ripete ogni domenica sera presso il “Noi Due Cabaret” di via Nazionale Adriatica sud, al confine con Francavilla al Mare.

 

Questo “Paradiso delle donne” come è stato giustamente ribattezzato, aprirà i battenti il prossimo 25 maggio e ad un mese dalla serata inaugurale è già forte il clamore che suscita in città.

 

Fautore dell’iniziativa un brillante uomo di spettacolo e di televisione, già protagonista di eventi innovativi sui generis.

 

XXX001

 

Non è stato facile per Bruno Barteloni, alias Guaranà, convincere una colonna portante dell’intrattenimento notturno come Gianluca Santi Amantini che ormai da tempo ha ereditato la gestione dei primi night clubs  della costa adriatica creati dal nulla dal papà Angiolo nel lontano 1972.

 

Se “Le Chat Noir” resta una istituzione della categoria, con le più belle artiste ed entreneuses internazionali, il gemello “Noi Due” cambia per il momento la sua naturale connotazione trasformandosi nella Repubblica delle banane, simboli fallici per eccellenza.

 

CuffsCollarsOpening

 

 Per ora top secret sul cast di spogliarellisti e sulle loro performance, ma di certo la selezione è stata rigorosa.

 

Dal mulatto esotico al surfista di Malibu, per spaziare al classico palestrato tonico e ben definito, al modello accattivante, sino all’ uomo tenebroso che non deve chiedere mai.

 

La direzione del “Banana Republic” ha già redatto le regole comportamentali alle quali clienti e cast dovranno attenersi scrupolosamente.

 

Niente approcci volgari, richieste di sesso a pagamento ed atteggiamenti scabrosi, ma solo puro e sano divertimento per quelle donne più o meno giovani che potranno vendicarsi per una volta a settimana dei loro mariti o fidanzati sempre pronti a trascurarle. Era ora.