Maiorano a Piersilvio Berlusconi: “Al GF un pregiudicato che offende i disabili, in barba al regolamento ?”

berlusconi-e-maiorano
Share Button

.

“Pensavo di averne viste di tutti i colori, ma mi sbagliavo, se è vero quanto riportato con dovizia di particolari sul settimanale SPY diretto da Alfonso Signorini”.

 

Con queste parole inizia il colloquio con Alessandro Maiorano, il giustiziere civico fiorentino che non ha paura di portare alla luce  e denunciare, così come fa da oltre un ventennio, le nefandezze della nostra società, e sopratutto quelle perpetrate da una certa classe politica, che invece di essere al potere dovrebbe essere sbattuta in galera a vita.

 

Ed a riaccendere in questi giorni lo sdegno di Maiorano, è stata proprio un’anticipazione giornalistica del settimanale SPY, nella quale si riportava il fatto che tale Simone Coccia Colaiuta, fidanzato della parlamentare del PD Stefania Pezzopane, sarebbe tra i concorrenti della prossima edizione del Grande Fratello nuovamente condotto da Barbara D’Urso.

.

pezzopane-coccia-mangiano

.

Ma a spiegare ai nostri lettori i motivi del suo sdegno, lasciamo che sia proprio Alessandro Maiorano a farlo:   “Quanto ho letto sul settimanale SPY, mi sconvolge e mi preoccupa” racconta Maiorano “perchè mentre i grandi Network televisivi raccontano balle agli italiani sulla qualità dei programmi televisivi che loro quotidianamente propinano, e mentre la conduttrice Barbara D’Urso vanta la sua correttezza e la sua vicinanza alla gente comune, vittima di una certa tv, si consumano alle spalle dei telespettatori-cittadini italiani vergognosi accordi che farebbero inorridire anche il peggiore essere umano esistente su questa Terra”.

 

“Infatti” prosegue Alessandro Maiorano “la signora Barbara D’Urso, notoriamente amica della deputata Pezzopane (che da circa quattro anni pubblicizza vergognosamente nei programmi da lei condotti su Mediaset), ha chiesto alla società Endemol, co-produttrice insieme a Mediaset del Grande Fratello, di inserire all’interno del programma, in qualità di concorrente, proprio il fidanzato della sua amica deputata del PD, la cui partecipazione violerebbe non solo le più elementari regole di correttezza professionale, ma anche il regolamento del programma televisivo, che prevede che i potenziali concorrenti non debbano avere condanne penali definitive e/o pendenze giudiziarie in corso, ed il signor Simone Coccia Colaiuta, fidanzato della deputata Stefania Pezzopane, di condanne sembra averne a iosa, anche per fatti particolarmente gravi dal punto di vista penale, e di pendenze giudiziarie ne ha veramente tante, e tra queste anche un rinvio a giudizio per tentativo di truffa ai miei danni, in complicità con il suo manager ed una per ora misteriosa STEFANIA… (il processo è tutt’ora in corso presso il Tribunale di L’Aquila), ed un rinvio a giudizio per vari gravi reati compiuti a danno del parlamentare italiano ed europeo Matteo Salvini, segretario politico della Lega”.

.

20150901_selvaggiabarbara

.

“Inoltre” prosegue ancora Maiorano “ci sono fascicoli giudiziari aperti presso la Procura della Repubblica di Campobasso, sia su Simone Coccia Colaiuta, sia sulla sua fidanzata deputata Stefania Pezzopane, e la loro presenza in video rappresenterebbe quindi, senza ombra di dubbio, uno schiaffo alla giustizia ed alla moralità del Paese Italia, nel quale sono le persone oneste non riescono ad avere voce e spazio in programmi televisivi, e sopratutto in quelli condotti dalla signora Barbara D’Urso, ed un articolo scritto tempo addietro dalla giornalista Selvaggia Lucarelli sembra confermarlo (Selvaggia Lucarelli attacca Barbara D’Urso: «Difende gentaglia solo per lo share» – http://www.ilmessaggero.it/SOCIETA/GOSSIP/selvaggia_lucarelli_barbara_d_amp_39_urso_nina_moric_pomeriggio_5/notizie/1543265.shtml)”.

 

E la rabbia e l’indignazione di Maiorano sembrano un fiume in piena, tanto da continuare ad affermare che “Io ho fornito, sia alla D’Urso sia alla Endemol, sia ai Vertici di Mediaset, sia all’AGCOM tutta la documentazione necessaria per stabilire che la presenza del Ccoccia Colaiuta nel programma il Grande Fratello sarebbe vergognosa sotto molteplici aspetti morali e giudiziari, oltre che non rispettosa del regolamento televisivo e delle regole morali dei telespettatori, ma il potere politico, per quanto ho avuto modo di constatare in questi lunghi anni di vita, riesce purtroppo sempre ad imporre il proprio volere”.

 

“Quello che mi fa specie e mi delude” prosegue Maiorano “è anche il silenzio assordante di Piersilvio Berlusconi, che ritenevo e ritengo, sino a prova contraria, un ragazzo educato ed onesto, che però al momento rimane zitto ed immobile di fronte ad una immoralità del genere che si appresta a consumarsi sulle reti Mediaset, che se lui non interverrà in modo opportuno, vedranno quali osannati protagonisti un pluripregiudicato per reati gravissimi ed una parlamentare che, tutti ben ricordano, fece, in varie occasioni, affermazioni particolarmente gravi su Silvio Berlusconi (del quale chiese ed ottenne anche la sua decadenza da parlamentare della Repubblica) e sui politici del centro-destra da lui rappresentati, che lei voleva e chiedeva ai suoi sostenitori di sterminare, così come riportato a suo tempo anche da vari mass-media (La Pezzopane ordina: “Sterminiamo il centrodestra” - http://www.ilgiornale.it/news/interni/pezzopane-ordina-sterminiamo-centrodestra-abruzzo-bufera-983926.html)”.

.

hh-25

.

 

“Fatti, parole e comportamenti particolarmente gravi e violenti” prosegue Maiorano “che danno bene idea di chi sia la signora Stefania Pezzopane ed anche chi sia il suo fidanzato, da me denunciato tempo addietro anche per aver offeso pesantemente, con parole volgarmente irripetibili, mia madre disabile, vissuta per anni su una sedia a rotelle, e morta circa un anno fa, con grande gioia del Coccia Colaiuta, che su vari Socials ha esternato la sua gioia per la sua morte”.

 

“Ebbene” afferma ancora Maiorano “chiedo a Piersilvio Berlusconi, al direttore di Canale 5 ed ai responsabili di Endemol e del Grande Fratello, se sia giusto ed opportuno dare spazio, visibilità ed importanza, in un programma familiare, a tal siffatto personaggio ed alla sua compagna, o se non sia invece più giusto ed opportuno premiare e dare spazio ad altre persone, sicuramente più meritevoli, che ambiscono a far parte del fortunato programma delle Reti Mediaset”.

 

“Per quanto ho citato” conclude Maiorano “ed anche per tant’altro, che sono ben disponibile a portare alla luce nei prossimi giorni, chiedo a Piersilvio Berlusconi di non sottostare a preghiere e raccomandazioni fatte da politici o conduttrici a lui care, e dimostri la sua correttezza morale e professionale impedendo al fidanzato della parlamentare del PD di partecipare al Grande Fratello di prossima programmazione, perchè la sua poco opportuna presenza in tale contesto sarebbe lesiva non solo dei regolamenti televisivi tanto sbandierati e rigidamente fatti rispettare in passato da Mediaset in altre note circostanze (incluso il Grande Fratello), ma tale inopportuna presenza sarebbe anche e sopratutto lesiva dei diritti e della morale dei telespettatori-cittadini italiani, che la politica ha sino ad ora considerato solo degli stupidi sudditi, che però alle ultime elezioni hanno dimostrato di saper far valere, quando necessario, i loro diritti”.

.

viviana-bazzani-003-25

.

“Tempo addietro” ricorda Maiorano “anche la conduttrice ed autrice Viviana Bazzani ebbe a dare giudizi sul Coccia Colaiuta e consigli alla sua fidanzata parlamentare, e spero che voi di Tv Più abbiate il coraggio di pubblicare quanto da lei scritto (a riprova della nostra onestà, pubblichiamo di seguito quanto detto dalla Bazzani), perchè non si può continuare a tacere sulle malefatte di certe persone, che certi mass-media invece appoggiano vergognosamente”.

.

lettera-bazzani-xx

.

Che dire di più, se non che quanto detto da Maiorano ci lascia l’amaro in bocca, e ci aspettiamo che Endemol e Mediaset, ed in particolare Piersilvio Berlusconi, valutino bene, con onestà morale e professionale, il da farsi.

 

Sappiamo bene che la morale, di questi tempi, non ha più valore in certi ambienti, ma ci auguriamo che Piersilvio Berlusconi, che è un ragazzo pulito, che ha sempre fatto della morale la sua filosofia di vita, intervenga per evitare che tale partecipazione possa trovare spazio in un programma che, indipendentemente dalla necessità di suscitare il giusto clamore ed interesse, deve ottemperare anche e sopratutto a delle regole morali, che crediamo e speriamo alberghino ancora in Piersilvio Berlusconi.

.