La famosa bambola Barbie, in versione “pediatra”, si dice sia stata ispirata dall’attrice Viviana Bazzani

002
Share Button

È nato tutto per caso e come ogni situazione alla quale nessuno da importanza perché considerata impossibile.

Così la pensava Viviana Bazzani tre anni fa, quando avviene una sorpresa inaspettata chiamata Barbie pediatra prodotta da una importante azienda mondiale di giocattoli.

Tutto accade una sera durante una cena di vecchi compagni di scuola che s’incontrano dopo trent’anni. Uno di loro osservando il volto di Viviana poco Mediterraneo e molto nordico propone di presentare una sua foto ad un amico disegnatore di quella azienda.

È saputo da tutti che i volti di molte Barbie (oggi sono più di 700) vengono ripresi da star mondiali o da semplici immagini di donne che gli ideatori trovano per il mondo.

Così è successo che il volto di Viviana Bazzani, oggi attrice anche su set cinematografici internazionali, sia piaciuto…..saranno stati quei eleganti occhiali neri, sarà stato il suo viso perfetto e i suoi capelli lisci biondi, sta di fatto che da oggi sul mercato esiste “Barbie pediatra” identica a quel volto inviato per foto all’azienda.

Mai, si può dire, azzeccato il personaggio x Barbie pediatra di una donna che ha dedicato anni, nella polizia di stato, alla tutela dei bambini.

.

001

.

Fa piacere che tra tante star mondiali, molte americane, una Barbie è il volto di una donna che ha sempre portato alto il nome della sua terra ITALIA.

Lontana da stupidi scandali è considerata, oggi oltre ad una brava attrice anche, tra le affermate sceneggiatrici di cortometraggi dove i bimbi sono sempre i protagonisti.

Viviana contattata al telefono ci ha dichiarato di essere ancora incredula e che, a fargli notare la totale somiglianza di Barbie pediatra al suo volto sono stati i tantissimi suoi sostenitori (lei non ama chiamarli fans) sui social network….. – Barbie pediatra è dolcissima mi piace e alla domanda forse si sarebbe aspettata Barbie poliziotta lei risponde :- sono sempre in tempo ad idearla e sarebbe un piacevole onore.

Non so se tutto questo è un caso, ma sta di fatto che quella foto all’azienda è arrivata e i particolari del volto e degli accessori non lasciano dubbi.