Annalisa Minetti: “La disabilità, quando viene spettacolarizzata, mi infastidisce”

annalisa-minetti-intervista-3
Share Button

Ha fatto della cecità uno stimolo per crescere e diventare più forte, ma occhio a definirla un supereroe“

.

La cecità mi ha donato tantissime virtù che probabilmente non avrei scoperto da normodotata e quindi da vedente”, così Annalisa Minetti ai microfoni dei Lunatici, su Rai Radio2.

.

Uno stimolo per trovare la forza, dunque, ma guai a definirla come un supereroe, anzi, in questo è polemica: “La disabilità oggi molto spesso viene spettacolarizzata e questo a me un po’ infastidisce. I media raccontano noi disabili come se fossimo dei supereroi.

.

Non è così. La disabilità è un grande dolore, però è un disagio che fa crescere. Al mio dolore ho dato una responsabilità: mi fa male, ma deve anche aiutarmi a far capire alle persone a saper gestire il dolore, che ti forma, che ti dà tantissimo se riesci a superarlo”.

.

Miss Italia nel 1997, il Festival di Sanremo l’anno dopo, Annalisa Minetti ricorda con il sorriso quel periodo: “Ricordo Mirigliani, ha creduto tantissimo in me, mi fece cantare con Fabrizio Frizzi nell’ultima puntata, mi fece dire che avrei voluto andare a Sanremo e il giorno dopo avevo la Sony Music dietro la porta. Frizzi era una persona molto intensa, profonda, onesta, leale, quando lo incontravi sentivi di poterti davvero fidare ed affidare.

.

Era meraviglioso. L’ho vissuto con incoscienza e sfacciataggine. Non avevo paura delle persone perché non le vedevo, riuscivo ad isolarmi, mi sono divertita, era un momento spensierato. Dovevo fare bella figura per convincere mio papà che fino a quel momento continuava a chiedermi quale lavoro volessi fare”.

.

E quel Sanremo lo vinse: “Vinsi sia nei giovani che nei big perché quell’anno c’era un regolamento speciale che permetteva alle nuove proposte di competere anche con i grandi. Per me sarebbe stato meglio vincere solo tra le nuove proposte, così non avrei bruciato le tappe.

.

Avrei potuto vincere tra i campioni l’anno dopo, l’avrei preferito. Arrivando dal giorno prima tutte le persone che si erano conquistate con gli anni il titolo di big mi guardavano come a chiedersi che cosa volesse questa ragazza appena arrivata. Non è stato semplice.

.Poi c’erano le aspettative. Mi dicevano che ero la nuova Laura Pausini o la nuova Celine Dion. Ero peggiorata caratterialmente, non mi piaceva l’attenzione che c’era nei miei confronti.

.

Annalisa Minetti sta lavorando a un nuovo album

.

La musica è sempre stato il suo grande amore, anche se lo sport le ha dato di più. “Musicalmente non ho fatto tutto quello che volevo – ha spiegato  – Non posso rimproverarmi nulla, tutto quello che ho fatto l’ho fatto toccando i podi più alti.

.

Nello sport ho realizzato più cose, lo sport è molto meritocratico, lo sport fa vincere chi arriva prima, non esistono facilitazioni. Nella musica invece non dipende tutto da te.

.

C’è un insieme di cose diverso. Forse nella musica qualche rimpianto ce l’ho, ma sto ricostruendo a piccoli passi la mia carriera, sto lavorando a un disco che per me sarà molto importante”. 

.

————————-

.

Articolo di Today, consultabile in forma integrale tramite il seguente link:

https://www.today.it/donna/storie/annalisa-minetti-disabilita.html

.

————————-

.

Potrebbe interessarti: https://www.today.it/donna/storie/annalisa-minetti-disabilita.html
Seguici su Facebook: https://www.facebook.com/pages/Todayit/335145169857930

.