Giusta proposta dell’On. Fucsia Nissoli: su IMU e TARES, garantire pari trattamento fiscale agli Italiani all’estero.

fucsia x facebook xx
Share Button
15 Maggio 2013 - In occasione dell’esame ieri alla Camera del decreto legge 35/2013, recante misure per il pagamento dei debiti scaduti della pubblica amministrazione, per il riequilibrio finanziario degli enti territoriali, nonché in materia di versamento di tributi degli enti locali, Fucsia Nissoli, deputata di Scelta Civica eletta in Nord America, ha presentato un Ordine del Giorno teso a riconoscere la parità di trattamento fiscale degli italiani all’estero, iscritti all’Aire, con quelli residenti in Italia in materia di IMU e TARES.
Nell’odg, Nissoli impegna il Governo “a valutare l’opportunità di riconoscere agli italiani all’estero, in un successivo provvedimento, le agevolazioni fiscali sul pagamento dell’IMU previste per l’abitazione principale e per i fondi posseduti dai coltivatori diretti e dagli imprenditori agricoli per l’immobile posseduto in Italia e non locato e per i fondi concessi in affitto o mezzadria dal cittadino italiano iscritto al registro AIRE, nonché di prevedere, in accordo con i Comuni, uno sconto sul pagamento della Tares ai cittadini italiani residenti all’estero ed iscritti nell’apposito registro AIRE, poiché non usufruiscono pienamente del servizio”.
Iniziativa degna di lode, che nessun parlamentare, sino ad ora, si era mai sognato di fare.