Animaliste perseguitate e ora perseguite. La drammatica disavventura di due sorelle catanesi

cani-avvelenati
Share Button

logo22

CATANIA – Animaliste perseguitate e ora perseguite. Le sorelle Novelli tentano di far curare una cagnolina. Nessuno interviene per Nerina. Ma anziché avviare le indagini per omissione di soccorso a carico dei responsabili pubblici, la Questura indaga le volontarie. Ora il popolo animalista si mobilita. L’idea di Mario Bonica: “Autodenunciamoci tutti, questa situazione è grottesca”.

I fatti che hanno portato all’iscrizione di Danila ed Elisabetta Novelli al registro degli indagati risalgono all’8 luglio. Dato la sottoscrizione di un accordo tra le associazioni delle volontarie e gli enti pubblici catanesi per la cura dei cani randagi, le sorelle si recano per ennesima volta in via Poulet.

Nel degrado più totale ci sono decine di cani abbandonati a sé stessi, malati, in fin di vita. Come denunciato già nel servizio del 4 luglio di www.animebastarde.it. Ma soprattutto una cagnetta, Nerina ha una zampa spezzata in due, infetta. E’ costretta a camminare a mo’ tripode ormai da due anni tanto è il dolore che avverte all’arto.

Danila ed Elisabetta Novelli, avendone titolo, chiedono all’Asp di sottoporre la cagnolina alla dovute cure. Questo non avviene.  (continua…)

—————————————

Potete leggere il servizio completo su www.animebastarde.it , al seguente Link: http://www.animebastarde.it/animaliste-indagate-a-catania-liniziativa-autodenunciamoci-tutti/