Global Witness: Oltre 900 ambientalisti assassinati negli ultimi 10 anni; in media, 2 morti ogni settimana

amazzonia
Share Button

Come capo del suo villaggio, Prajob Naowa-opas ha combattuto per salvare la sua comunità nella Thailandia centrale da discariche abusive di rifiuti tossici, presentando petizioni e portando gli abitanti a bloccare i camion che trasportavano i materiali, fino a quando un uomo armato in pieno giorno ha sparato quattro colpi contro di lui.

 

Ad un anno di distanza, i suoi tre presunti assassini, tra cui un alto funzionario governativo, sono sotto processo per omicidio. La discarica è stato bloccata e gli abitanti dei villaggi stanno erigendo una statua per il loro eroe ucciso. Lo rivela “HuffPost”.
Ma l’accusa di omicidio per la morte di Prajob è una rara eccezione.

 

Una ricerca pubblicata oggi – il primo completo nel suo genere – rivela che solo 10 assassini degli 908 ambientalisti uccisi in tutto il mondo negli ultimi dieci anni sono stati condannati.
Il rapporto della Global Witness, con sede a Londra, un gruppo che cerca di far luce sui legami tra lo sfruttamento ambientale e la violazioni dei diritti umani, fa sapere che gli omicidi di coloro che si occupano della tutela dei diritti della Terra e dell’ambiente sono aumentati drammaticamente.

 

E non solo: il numero di vittime in 35 Paesi è probabilmente di gran lunga superiore, in quanto le indagini in un certo numero di nazioni africane e asiatiche sono difficili o impossibili da realizzare.
“Molte di quelle che subiscono minacce sono persone normali che si oppongono all’accaparramento di terreni, alle operazioni di estrazione e al commercio del legname industriale, spesso costrette a lasciare le loro case e gravemente minacciate dalla devastazione ambientale”, continua lo studio. Altri sono stati uccisi per le dighe idroelettriche, l’inquinamento e la conservazione della fauna selvatica.
Le morti in aumento, insieme ai casi di violenza non letale, sono attribuite all’intensificazione della concorrenza per la contrazione delle risorse in un’economia globale.

 

Con un’aggravante: capita che siano spalleggiate dalle autorità e dalle forze di sicurezza in alcuni Paesi collegati a potenti individui. Ma a volte sotto accusa finiscono anche le aziende e altri soggetti.

 

Nel 2012 il numero di vittime è triplicato rispetto a 10 anni prima, con il tasso di mortalità in aumento negli ultimi quattro anni per una media di due attivisti uccisi a settimana , secondo il gruppo non governativo.

 

E i morti nel 2013 potrebbero essere di più dei 95 documentati.

 

Servizio pubblicato dal magazine on-line “Nel Cuore” (www.nelcuore.org, visionabile clikkando il seguente Link: http://www.nelcuore.org/blog-associazioni/item/lo-studio-oltre-900-ambientalisti-ammazzati-negli-ultimi-dieci-anni.html